Attraverso l’utilizzo di particolari strumenti detti fibrolisori, questa tecnica consente una mobilizzazione profonda dei tessuti favorendo la microcircolazione, la lisi di tessuto cicatriziale e la risoluzione di aderenze muscolari di tipo fibroso.